A Natale, rock your mind

Ogni donna ha dentro di sé il suo lato rock. Mostra il tuo, anche a Natale: è questo, in sintesi, il motto di due sorelle che hanno deciso di mettere se stesse e la propria creatività nei gioielli. Giulia e Federica Faggi, fiorentine dall’anima rock, hanno fondato il brand ROCKYOURMIND con creazioni dal design innovativo, che comunicano uno stile fatto di semplicità, originalità, ricercatezza, cura dei dettagli. Come tema la geometria perché nella sua essenzialità e con le sue linee decise rappresenta totalmente ciò che oggi esprime la donna: personalità, grinta, voglia di mettersi in gioco.

ROCKYOURMIND è un invito rivolto alle donne a essere “rock”, a esprimere sempre se stesse, a non omologarsi e ad accettarsi, ad amarsi.

Essere “rock” è una filosofia di vita: significa esaltare le doti di forza che ogni donna possiede, conservando allo stesso tempo la propria femminilità e superando il cliché della donna che deve per forza assomigliare ad un uomo per farsi rispettare.

Anche il logo e i colori scelti – bianco, rosso, nero – esprimono grinta, forza e determinazione.

Le creazioni ROCKYOURMIND  sono oggetti dal design contemporaneo, rigorosamente handmade e made in Italy. “Abbiamo deciso di utilizzare esclusivamente l’argento, materiale prezioso ma non eccessivo, che con la sua lucentezza metallica rafforza il carattere dei nostri gioielli”, raccontano le due sorelle, esempio di sorellitudine riuscita. “Siamo ispirate dalla geometria pura: triangoli di ogni genere, forme romboidali, linee nette, elementi prismatici dalle grandi dimensioni. Nelle nuove collezioni Linear Line e Prism Line,  abbiamo mantenuto una texture molto particolare, una “graffiatura” fatta a mano capace di donare ad ogni oggetto rodiato in qualsiasi colore brillantezza e luce, rendendolo così un pezzo unico”.

Per questo ci e mi piacciono. Perchè ognuno di noi è un pezzo unico. Anche a Natale.

Share on Facebook28Tweet about this on Twitter0Pin on Pinterest0Email to someoneGoogle+0Share on LinkedIn0share on Tumblr0Print this page