Camera con vi… gna!

camera con vi...gna!

Chi dice autunno, dice vigna. E dice anche natura, gusto, passione, divertimento. Ecco una breve selezione di luoghi, tenute e relais dove trascorrere i weekend di settembre, tra i filari vino e coccole, magari prendendo parte alla vendemmia.

Andiamo a vendemmiare

Tutti insieme appassionatamente per il rito simbolo dell’autunno: la vendemmia. È la succosa proposta dell’Antica Corte Pallavicina di Polesine Parmense (PR), regno del gusto dei fratelli Luciano e Massimo Spigaroli, che nella loro azienda agricola producono uva fortana e lambrusco scorza amara, dando vita ai loro vini genuini (Fortana del Taro, Fortanella, Tamburen, Rosso del Motto, Strologo, Fior Fiore di Fortana e Carlo Verdi), ideali per accompagnare la cucina locale. Le occasioni per godersi questa antica tradizione di campagna sono tante: dal soggiorno in una delle eleganti camere del relais nel castello del 1300 (unico in Italia a sorgere nella golena del fiume Po), che dista 1,5 km dalle vigne – da raggiungere anche con le biciclette messe a disposizione gratuitamente – ai pic-nic da gustarsi direttamente tra i filari, con i cestini colmi di prelibatezze come i salumi e i formaggi per cui l’Antica Corte è famosa, fino alle degustazioni di vini, pranzi e cene dello chef Massimo Spigaroli, nel raffinato ristorante stellato o nella più rustica Hosteria del Maiale.

Camera a partire da 160 euro con prima colazione, Pic nic a partire da 25 euro a cestino, pranzo/cena in Hosteria con vini inclusi 48 euro per persona.

Metti il “maso” tra i filari

Sorge in mezzo ai vigneti il Maso Grottner di Novale di Fiè (BZ), che con i suoi 800 anni di storia è tutelato dai Beni Culturali. L’antico maso del XIII secolo, pur mantenendo la sua struttura originaria, è stato ristrutturato in chiave design. La sua unicità è data dalle due suites che – insieme alla cucina ultra-tecno in acciaio nero, sede dei corsi di cucina locale – ne rivelano l’anima contemporanea in continuo dialogo col passato. Qui Stefan e Kathi Pramstrahler producono lo squisito vino Grottner, che affina in vecchie botti e particolari bottiglie di Pinot Bianco Pica, Sauvignon Bubo, Gewürztraminer Tetrix e Pinot Nero Corax, i cui nomi latini derivano dal mondo dei volatili e che fanno bella mostra di sé sulle etichette. Della stessa proprietà il Romantik Hotel Turm di Fiè allo Sciliar, Alpe di Siusi (BZ), splendido albergo punteggiato da duemila opere d’arte, con vista sulle Dolomiti (nel 2018 ha creato nuove esclusive suite, una diversa dall’altra, sala lounge, palestra panoramica, sala relax, sauna del fuoco in giardino e parete per arrampicata), che nel suo centro benessere propone il Bagno alle vinacce su pietra calda con massaggio all’olio di semi d’uva. Un’esperienza unica che si può anche sperimentare anche in coppia. La proposta “Maso Grottner da conoscere” include 2 pernottamenti in una delle suites del Maso vinicolo Grottner, 2 pernottamenti in camera Gallo Cedrone al Romantik Hotel Turm, 3 giorni con trattamento di mezza pensione e cena con menu di degustazione di 5 portate con vini abbinati ad hoc.

Prezzi  a partire da 786 euro per persona.

Un bagno nei vigneti

Immerso tra 4 ettari di vigneti e boschi in rovere, sullo scenario che abbraccia con un solo sguardo la vallata di Merano, la Tenuta Eichenstein è un luogo esclusivo in cui trascorrere una rilassante vacanza in vigna. Il moderno maso che custodisce una suite di 200 mq con vasca a vista,  piscina panoramica riscaldata, reparto wellness, giardino con prato inglese e fitness room privata, nasce dalla passione di Josef Waldner, proprietario del Romantik Hotel Oberwirt di Marlengo (BZ). La struttura è formata da tre corpi autonomi ma collegati: Cantina, Sala Degustazione (in cui scoprire preziose bottiglie) e Chalet Eichenstein con ampie vetrate che delineano un tutt’uno con la natura circostante. Senza contare che, per gli amanti del vino, questo è un vero e proprio paradiso affidato alla cura e alla professionalità di un enologo, che mette la propria esperienza al servizio della produzione di sapori che sappiano restituire le caratteristiche delle montagne alle quali appartengono.

Le tariffe per 4 giorni partono da 410 euro per camera al giorno, per 7 giorni a partire da 360 euro per camera al giorno. giardino con prato inglese, piscina panoramica riscaldata, fitness room privata, reparto wellness.

La terapia del vino

Le Terme della Salvarola, sulle dolci colline di Modena, da sempre si lasciano ispirare dal territorio e propongono il benessere a km zero. È proprio grazie ai filari del Lambrusco Grasparossa che fanno bella mostra di sé intorno alla struttura che le Terme, per prime in Italia, hanno promosso la Vinoterapia con il Benessere di Bacco®, utilizzando l’uva fresca e i suoi derivati (come mosto concentrato, vinaccioli purificati, olio di vinacciolo e lievito di vino), abbinati alla benefica acqua termale, che aiutano a contrastare l’invecchiamento della pelle, migliorano la microcircolazione, levigano l’epidermide, le donano luminosità e un piacevole profumo di fiori. Le camere dell’Hotel Terme Salvarola (4 stelle), godono di una splendida vista sui filari di vite e, dopo una giornata di relax da trascorrere tra le benefiche acque termali del Centro Benessere Balnea (con 5 tra vasche e piscine termali a diverse temperature con idromassaggi e giochi d’acqua, camminamenti vascolari, sauna, bagno di vapore con aromi, luci colorate, zona relax e palestra attrezzata cardiofitness), ci si può concedere un aperitivo-picnic nel grande parco che confina con il vigneto (il cestino con prelibatezze locali e calice di vino è proposto a 12 euro).

Per un soggiorno “di-vino” il pacchetto “Slow-Wine” comprende 1 pernottamento in camera matrimoniale Classic con prima colazione a buffet, 1 trattamento viso Wine con prodotti della linea il Benessere di Bacco® con maschera all’olio di vinaccioli, 1 impacco di lievito di vino, miele e olio di vinaccioli e 2 giornate di benessere alla SPA termale Balnea con infusi ai frutti rossi.

A partire da 179 euro per persona.

Degustazione in suite

L’Antico Casale è un piccolo resort che sorge tra i filari d’uva del podere della rinomata cantina Monte delle Vigne a Ozzano Taro (PR), un luogo intimo dove trascorrere un soggiorno nell’abbraccio della natura, nelle quattro camere, o meglio “Suite del Vino”,  con vista sul rasserenante paesaggio delle colline di Parma. Dal martedì al sabato, alle ore 10, alle 15 e alle 17, è anche possibile partecipare alle visite guidate alla cantina, dove affinano i premiati “Nabucco”, “Callas”, “Sogni”, “Argille”, “Poem”, “I Calanchi” e “I Salici”. Assaporare e acquistare il vino nel suo luogo d’origine è il modo migliore per immergersi totalmente nella filosofia di qualità e rispetto dell’ambiente di Monte delle Vigne, costantemente in viaggio verso la sostenibilità, intesa come la valorizzazione della tipicità, del vino, dei luoghi e della bellezza del territorio.

Camera da 80 euro a notte, prezzo della degustazione 10 euro.

0