Cosa ci mettiamo in testa?

Quando si tratta di scegliere la tinta per i propri capelli, noi donne entriamo sempre in crisi, io per prima. Se anche tu ti trovi in questa situazione, oppure vorresti cambiare la tua tinta perché non ti soddisfa completamente, continua la lettura: ti spiegherò come scegliere al meglio quella più adatta a te, togliendoti qualche dubbio di troppo.

Tinte per capelli: quali sono le differenze fra i vari prodotti?

Gli scaffali di supermercati e negozi specializzati sono pieni di tinte per capelli di ogni tipo, ma come capire quale fa al caso nostro? Per prima cosa bisogna capire quali differenze ci sono tra i vari prodotti, a partire dallo scopo preciso per cui sono stati formulati: la tintura coprente per capelli bianchi, ad esempio, ha una composizione specifica per assicurare una colorazione permanente, altre tinte invece sono più adatte a capelli che sono già tinti (quindi non naturali), altre ancora hanno caratteristiche adatte a chi ha un cuoio capelluto particolarmente delicato e sensibile e così via. Uno degli elementi da valutare in fase di scelta è la presenza di ammoniaca: molte donne utilizzano delle tinture che la contengono perché più durature e capaci di agire in profondità, ma andrebbe sempre valutata attentamente la sensibilità della propria cute per evitare rischi. Per andare sul sicuro, il mio consiglio è quello di acquistare tinte per capelli senza ammoniaca come quelle di Bioscalin, decisamente meno aggressive nei confronti del fusto e del cuoio capelluto, in modo da tenere lontano ogni possibile fastidio.

Quali sono le alternative naturali per la tintura dei capelli?

Le tinture naturali rappresentano una soluzione più che valida: si tratta infatti di prodotti più delicati che avranno quindi una durata più limitata, ma sono da prendere decisamente in considerazione per i tanti benefici che danno sia ai capelli sia al cuoio capelluto. Di solito hanno una composizione a base di estratti di varie erbe, quindi il più delle volte è possibile acquistarle anche in erboristeria o in negozi di prodotti naturali e biologici; è questo ad esempio il caso dell’henné, usato da tantissime donne ormai, ma prima di applicarlo accertati di non essere allergica a questo estratto naturale. Altre alternative da provare sono le tinture a base di CC cream pensate appositamente per la capigliatura, che non danneggiano i capelli e durano di più rispetto ai prodotti a base di erbe. Un’altra opzione molto valida per chi non ha bisogno di una tintura che duri nel tempo è quella degli spray coloranti: si tratta infatti della soluzione temporanea meno invasiva di tutte in quanto si limita ad agire solo sulla superficie del capello, andando via facilmente al primo lavaggio.

0