Quattro zampe in viaggio

Sono 4 milioni gli italiani che vanno in vacanza con i propri cani e gatti. E tra questi ci sono anche io.

Lo rivela un’indagine di Royal Canin: oltre 4 milioni di italiani partono per le vacanze caricando in auto valigia e cucciolo. Per loro è l’Italia la meta preferita.

Eppure non tutti gli hotel accettano animali e talvolta lasciarli a casa sembra essere l’unica soluzione possibile. Per non rinunciare alla vacanza e anzi renderla speciale, ecco una lista di strutture che non solo accolgono padroni con cuccioli al seguito, ma hanno predisposto attenzioni e servizi per rendere il soggiorno felice anche ai nostri pet, con cucce, giocattoli e crocchette per coccolare i nostri pelosi.

Ai Romantik la cuccia è firmata Doggyly

In vacanza il riposo è sacrosanto, anche per i cuccioli. E allora eccolo l’ultimo, comodissimo vizio per amici a quattro zampe e padroni: si chiamano  Doggyly, sono cucce dal design irresistibile frutto della designer Simonetta Rossi, e sono veri complementi d’arredo personalizzabili nelle finiture e nelle dimensioni. Si può scegliere da un catalogo molto ampio per averne in casa una unica e su misura. Ce n’è per ogni tipo di arredamento: moderno, classico, di design, con tanta attenzione all’igiene. E per mettersi in viaggio, basta con i noiosi trasportini da grande distribuzione: c’è la Doggy Bag, un’elegante borsa che, oltre ad accogliere il piccolo ospite, ha anche comode tasche per contenere tutto il necessario da viaggio. Già alcuni Romantik Hotel & Restaurants hanno “adottato” questa linea di lusso per i propri ospiti. Sono il Romantik Hotel Villa Margherita di Mira Porte, Venezia  e il Romantik Hotel Mulino Grande di Cusago, Milano.

Dog-sdraio vista Adriatico ai Ricci Hotels

L’ospitalità della Riviera Romagnola non ha paragoni, anche nell’accoglienza degli animali. Spiagge grandi, pulite, vigilate, con tanto spazio tra ombrelloni. L’Hotel Sport dei Ricci Hotels di Cesenatico (FC) ha organizzato una proposta che farà abbaiare di felicità i quattro zampe perché inizia con un gadget di benvenuto per tutti e servizio dogsitter su richiesta, dedicata a chi non abbia voglia di alzarsi presto al mattino. Dopotutto si chiama vacanza, no? Ma c’è anche il tocco in più. Con un supplemento di 10 euro al giorno, ecco la versione deluxe della permanenza per i nostri animali: una dog-sdraio su misura e ciotola sul posto, ossia nella spiaggia attrezzata per bagnanti speciali. Che possono essere a pelo corto e lungo. Parola di Pongo, il Beagle di casa! Prezzi a partire da 400 euro a settimana per appartamento, nella soluzione Aparthotel. Formula Hotel, a partire da 57 euro a persona a notte in pensione completa, per un soggiorno minimo di 3 notti.

INC Hotels, Enpa ci mette lo zampino

Nell’accoglienza emiliana a marchio INC Hotels Group c’è lo zampino di Enpa. È infatti la più antica associazione che in Italia tutela gli animali ad aver in lista tutte  le strutture del gruppo alberghiero parmigiano. Oltre a rispondere ad ogni esigenza degli animali e dei loro padroni, tutti gli hotels di Parma: Best Western Hotel Farnese, Holiday Inn Express Parma e l’Hotel San Marco, di Reggio Emilia: Best Western Classic Hotel, Holiday Inn Express, Hotel Forum e Piacenza con il Grande Albergo Roma, offrono agli affettuosi compagni dei visitatori un pranzo buono e sicuro: una confezione di mangime secco prodotto dalla Pet Express Montechiarugolo. L’iniziativa si va ad aggiungere a quelle già pensate per rendere più piacevole il soggiorno a cani e gatti, ai quali, in alcuni hotel, sono riservate mille attenzioni. Ad esempio al Best Western Hotel Farnese gli amici a quattro zampe troveranno ad attenderli una Pet Room con una ciotola personale per l’acqua e una per il cibo, una brandina o una cuccetta a seconda della taglia, sacchetti igienici e lettiere chiuse con sabbia in camera e, in  caso di necessità, un pronto intervento per contattare un veterinario di zona reperibile 24 ore su 24.

Share on Facebook21Tweet about this on Twitter0Pin on Pinterest0Email to someoneGoogle+0Share on LinkedIn1share on Tumblr0Print this page