Se la felicità è una spa (a casa vostra)

Come “tirarsi su” a Gennaio, il mese più triste dell’anno? Volendosi bene. E prendendosi cura di sè, del proprio cuore e del proprio corpo. Meglio se con un sorriso.

Per questo ho scelto i prodotti e le coccole100% bio di Bubble&Co. Perchè le sue creme, i suoi bagnoschiuma, i suoi olii e le acque profumate mi mettono allegria, grazie alla grafica divertente e al packaging originale.

Senza trascurare la qualità degli  ingredienti. Il marchio made in Italy infatti  rimette in senso anima e pelle, garantendo natura, ricerca, sicurezza e garanzia.

Gioco, passione e ricerca sono gli elementi che hanno contribuito alla creazione di Bubble&CO, il giovane brand specializzato in linee di detergenza e cosmesi naturale ed ecobio.

Un gioco dove i colori, le forme e le immagini, hanno dato vita ad un mondo dall’aspetto un pò retrò, ma con una forte passione per tutto ciò che è naturale, bio ed ecosostenibile, forti anche di una lunga esperienza legata al mondo della medicina e della ricerca.

Un consiglio? Sfruttate la linea Bubble per creare una mini spa nel bagno di casa. Prima di tutto, il docciashampoo BubbleBaby, ideale per detergere la pelle ed i capelli che, grazie ai tensioattivi da agricoltura biologica, oliva e malta, idrata e nutre la cute e il cuoio capelluto. Poi la CremaLatte Bubble Family, con la sua texture leggera e vellutata che si assorbe subito. Infine, l’Acqua Profumata BubbleNight:  dolce, rinfrescante, priva di ftalati, coloranti e molecole sintetiche. E, per un massaggio  romantico, c’è l’olio alle mandorle dolci che, grazie all’elevato contenuto di vitamina E, svolge un’azione emolliente, idratante ed elasticizzante.

PS Non trascurate il  cucciolo di casa! Anche i pelosi, in casa Bubble & Co., hanno diritto alle coccole con la linea BioFido : dallo shampoo al balsamo, fino allo spray per tenere lontani gli insetti sgradevoli e il deodorante per la cuccia.

Share on Facebook45Tweet about this on Twitter0Pin on Pinterest0Email to someoneGoogle+0Share on LinkedIn0share on Tumblr0Print this page